Vai al contenuto
Home » Condividere Yeshua con i nostri commilitoni dell’esercito

Condividere Yeshua con i nostri commilitoni dell’esercito

  • Magazine

di Tehila Khoury e Ariel Granovsky

Un soldato spende molto tempo, a volte settimane, lontano da casa in una comunità di non credenti, vivendo con un gruppo di persone e condividendo tutto con loro. I nostri commilitoni vedono quanto siano diversi i veri credenti e questo fa sorgere molte domande sulla fede e sul modo in cui viviamo. Alcune domande iniziali sono: 

“Perché non dici bestemmie?” 

“Perché non frequenti ragazzi non credenti?” 

“Perché niente sesso prima del matrimonio?”

All’inizio, i soldati cercano di capire in cosa crediamo e in che modo siamo diversi dagli ebrei religiosi o dai cristiani nominali. A poco a poco, iniziano a fare domande più profonde. 

   In Israele, ci sono alcuni buoni programmi che aiutano i giovani credenti a prepararsi per il servizio militare. Tra le materie che apprendiamo ci sono l’apologetica e come condividere il Vangelo. Questa preparazione è meravigliosa e ci permette di sapere come rispondere alle varie domande e come affrontare le frequenti discussioni sollevate. 

Ecco alcune delle domande più profonde: 

“Sei un credente perché lo sono i tuoi genitori? Sei nato credente?” 

Spieghiamo sempre come ogni credente abbia una relazione personale con Dio e che la fede non è qualcosa con cui si nasce o che si eredita dai propri genitori. Spieghiamo come comprendere che l’Antico e il Nuovo Testamento sono la Parola di Dio ispirata, che porta ad una decisione personale di seguire Yeshua e accettarlo come proprio Signore e Salvatore.

Possiamo pensare o dire che siamo credenti perché siamo cresciuti in famiglie credenti, ma se non è qualcosa in cui crediamo veramente nei nostri cuori, allora non vale niente. Sottolineiamo che è tutta una questione di fede personale distinta da una religione di “buone opere”. 

“L’Antico e il Nuovo Testamento non si contraddicono?” 

Diciamo che è vero il contrario perché il Nuovo Testamento contiene la prova della realizzazione di molte profezie dell’Antico Testamento. Aprire la propria Bibbia o citare le profezie su Yeshua aiuta sempre e fa riflettere. 

“Quindi, fondamentalmente siete ebrei che credono nel cristianesimo?” 

Nel rispondere a questa domanda è importante sottolineare che, sebbene i veri credenti di tutto il mondo siano chiamati “cristiani”, qui in Israele ci definiamo “messianici” per sottolineare la differenza tra la nostra fede personale e il semplice cristianesimo nominale, perché nel corso dei secoli il cristianesimo nominale è stato spesso fonte di persecuzione per il popolo ebraico. Spieghiamo che “Messianico” significa semplicemente che il credente è un seguace del Messia e ogni persona che segue Yeshua e lo accetta come proprio personale Messia, a partire dal momento in cui venne sulla terra, può essere chiamato “Messianico”. Spieghiamo che noi siamo semplicemente come i primi discepoli ebrei: seguaci di Yeshua con una fede personale in Lui, piuttosto che parte di una religione organizzata.

  Quando condividiamo il Vangelo, incontriamo due tipi di persone: quelli che credono in Dio e quelli che non lo fanno (secolari). Con la persona secolare, il tema principale di cui discutiamo è l’esistenza di Dio. Molti dicono che tutto il dolore e il male nel mondo indicano che non c’è nessun Dio. Facciamo subito capire che Dio, nella Sua natura, è buono e ci ha rivelato la Sua meravigliosa bontà nell’inviare Suo Figlio. Anche se c’è ancora molto che non possiamo capire, attraverso Suo Figlio ci ha rivelato che vuole il meglio per ognuno di noi, che ama ognuno di noi. Poi spieghiamo che Dio spesso permette che le cose accadano per insegnarci delle lezioni e avvicinarci a Lui. Condividiamo anche che, nella Sua sovrana bontà, Dio ha un piano perfetto per noi, ma poiché ciascuno di noi ha il libero arbitrio, possiamo decidere di seguire la sua volontà o meno. Spieghiamo che gran parte del male nel mondo deriva dalla natura peccaminosa dell’uomo stesso. 

   Con coloro che credono in Dio, il soggetto principale è solitamente la messianicità di Yeshua. Alcune delle argomentazioni avanzate sono:

 “Come può Yeshua essere il Messia dal momento che non era ebreo?”

Questo è un malinteso comune in Israele e tra gli ebrei in generale, quindi è estremamente importante mostrare loro la genealogia di Yeshua, dimostrando chiaramente che era ebreo. 

“Se Yeshua era il Messia, perché gli Ebrei lo hanno rigettato?” 

Rispondiamo che era stato profetizzato che il Messia sarebbe stato disprezzato e rifiutato dal Suo stesso popolo, e indichiamo i versetti in Isaia 53:3-5. Il modo migliore per rispondere a queste domande è sempre quello di aprire la Parola di Dio. 

   Il Signore opera in modi sorprendenti ora che così tanti giovani credenti ebrei stanno vivendo la loro fede davanti ai loro compagni nelle forze armate, e le loro vite stanno aprendo molte porte alla testimonianza, ognuno facendo affidamento sullo Spirito Santo per contribuire a dare una difesa a tutti coloro che chiedono spiegazioni sulla speranza che è in te (1 Pietro 3:15). 

Sugli autori: Ariel è il figlio di Lilian e Sasha Granovsky, i leader di Ariel Israel. Attualmente serve nell’IDF. Tehila Khoury è nata ad Haifa in una casa messianica. Poiché è la più giovane di quattro fratelli, ha servito nell’IDF come Sergente Operativo e come comandante in una scuola di addestramento di comando in una base dell’aeronautica a Ovad, vicino a Eilat, dal 2016 al 2018. Attualmente, Tehila è un’insegnante privata d’inglese ad Haifa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Instagram
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: