Home » L’eredità di Le Chambon

L’eredità di Le Chambon

di Paul R. Wilkinson 

Jean è il mio consigliere preferito. Quando studiava per diventare medico, lui e la sua fidanzata furono arrestati dai Gendarmi … Lei fu spedita via su un treno, lui lo picchiarono per diciassette ore di fila. È sopravvissuto e lo hanno rilasciato, ed è venuto qui a nascondersi. È ebreo come me … Sono passati più di due anni da quando ho ricevuto quella lettera da mamma e papà. Niente più da allora. Suppongo che non rivedrò più la mia famiglia. La mia vita è qui ora1

Queste parole furono scritte sulle montagne della Francia nel 1944 da Nathalie Stern, una ragazza ebrea di quattordici anni, originaria del Belgio, che viveva con i suoi genitori a Parigi prima dell’invasione tedesca del giugno 1940. Il 27 marzo 1942, i primi ebrei in Francia furono deportati verso l’Est. Nei successivi due anni e mezzo, circa 76.000 ebrei, tra cui 11.000 bambini, furono deportati, la maggior parte ad Auschwitz. Nel giugno del 1942, un pastore protestante della città di Agen sollecitò i genitori di Nathalie a mandar via la loro figlia per salvarla. “Penso che abbia qualcosa a che fare con noi che siamo ebrei”, scrisse Nathalie, che fu condotta in un remoto villaggio, su un altopiano montuoso nella regione dell’Alta Loira, nel centro-sud della Francia. Il nome del villaggio era Le Chambon-sur-Lignon2.

Nel 1990, il popolo di Le Chambon e i villaggi circostanti sono stati riconosciuti come “Giusti tra le nazioni” da Yad Vashem – l’Ente Nazionale per la Memoria della Shoa, in Gerusalemme. Gli è stato conferito questo onore per aver ospitato oltre 3.000 ebrei tra il 1941 e il 1944, la maggior parte di loro bambini. Mordecai Paldiel, ex direttore del Dipartimento dei Giusti di Yad Vashem, descrisse ciò che accadde a Le Chambon come “probabilmente il caso più celebrato di carità cristiana”3 durante l’Olocausto.

La Montagna Protestante

Per secoli, la Francia era stata un paese fortemente cattolico. Quando Nathalie Stern arrivò a Le Chambon, meno dell’uno per cento della popolazione era protestante. Sull’altopiano, era tutta un’altra storia. In questa remota parte della Francia, con le sue cime vulcaniche, le fitte foreste e i pascoli aperti, oltre il novanta per cento dei villaggi era protestante. Tra di loro c’erano discendenti degli Ugonotti, che avevano subito violente persecuzioni per mano dei cattolici durante il XVII e il XVIII secolo. Gli edifici che un tempo ospitavano rifugiati Ugonotti venivano ora usati come nascondiglio per gli ebrei. La Montagne Protestante (“La montagna protestante”) era un posto eccezionale.

Nel 1971, il pastore André Trocmé fu il primo abitante di Le Chambon ad essere onorato da Yad Vashem. Sua moglie Magda e il suo pastore Eduard Théis furono riconosciuti più tardi, insieme a molti altri membri della comunità4. Scolpite nella pietra sopra la porta della chiesa di Trocmé, c’erano le parole Aimez-Vous Les Uns Les Autres – “Amatevi gli uni gli altri”. Queste erano molto più che semplici parole.

Il 9 agosto 1942, Georges Lamirand, ministro della gioventù di Vichy, venne in visita a Le Chambon per invitare i giovani a supportare l’anziano leader francese e collaboratore nazista, Henri-Philippe Pétain5. Non appena furono terminate le formalità, una delegazione di studenti della Scuola di New Cévenole presentò a Lamirand una protesta formale. Erano rimasti inorriditi dalle recenti notizie del rastrellamento di 13.000 ebrei parigini al Vélodrome d’Hiver (“Velodromo d’inverno”). I giovani si mostrarono educati, onesti e risoluti mentre si rivolgevano al ministro:

Vogliamo che lei sappia che c'è un certo numero di ebrei tra di noi. Non diremo chi è ebreo e chi non è ebreo. Se i nostri amici ... riceveranno ordine di espulsione, li incoraggeremo a disobbedire a quegli ordini, e faremo del nostro meglio per nasconderli6.

Lamirand era furioso e partì in tutta fretta. Due settimane dopo, il pastore Trocmé fu convocato al municipio dal capo della polizia. Gli fu ordinato, sotto minaccia di arresto e deportazione, di consegnare la lista dei nomi di tutti gli ebrei che si nascondevano nel villaggio. Trocmé rispose in questo modo:

Anche se avessi una tale lista, non gliela consegnerei. Queste persone sono venute qui per ricevere aiuto e protezione dai protestanti di questa regione. Sono il loro ministro, il loro pastore. Non è il ruolo del pastore tradire le pecore confidate alla sua custodia7.

Trocmé inviò subito i boy scout ad avvertire tutti coloro che stavano ospitando gli ebrei per mandarli nella foresta fino a quando il pericolo non fosse passato. Gli abitanti del villaggio di Le Chambon erano abituati a questi momenti di batticuore, mentre continuavano a resistere le autorità. Come conferma Peter Grose nel suo libro The Great Escape (2014):

"Nessuno ha fatto la spia. Nessuno ha rotto le fila. L'Altopiano è rimasto solido8."

Il 29 giugno 1943, la tragedia colpì: quella mattina presto la Gestapo fece irruzione in una delle scuole alla periferia del villaggio gestita da Daniel Trocmé, cugino del pastore André. Trocmé era in un’altra scuola quando arrivò la Gestapo e interruppe brutalmente i suoi studenti. Abbandonando ogni opportunità di mettersi in fuga, raggiunse rapidamente il suo piccolo gregge. A mezzogiorno, lui e diciotto dei giovani furono portati via; cinque di loro morirono in seguito ad Auschwitz. Trocmé subì continui interrogatori nei centri di detenzione francesi, i suoi interrogatori si erano convinti che fosse ebreo. Fu infine inviato nel campo di concentramento di Majdanek in Polonia, dove morì nell’aprile del 1944; aveva 34 anni. Secondo l’autore Philip Hallie:

L'unico argomento enfatizzato dagli interrogatori era il suo atteggiamento nei confronti degli ebrei. Ancora e ancora espresse la sua compassione per loro, finché uno dei suoi interlocutori gli disse apertamente: “Devi essere uno di loro - altrimenti non potresti difenderli così9.


Luce nell’oscurità

Molti dei bambini che venivano a Le Chambon erano stati liberati da famigerati campi di internamento come Gurs, Les Milles e Rivesaltes. Separati dai loro genitori e da altri membri della famiglia, arrivarono al tranquillo villaggio, in preda alla paura, all’angoscia e alla disperazione. Ci furono però momenti più gioiosi sulla montagna per quei bambini. Nel dicembre del 1943, il diciottenne Rudi Appel, dalla Germania, ha celebrato la sua eredità ebraica. Come ha scritto: 

Stasera è la prima notte di Hanukkah e ho organizzato una festa. Ci sono circa venticinque di noi rifugiati che vivono qui [una casa gestita da Swiss Aid]. Non siamo tutti ebrei, ma la signorina Usach ha detto che potremo fare la festa. Le ho persino insegnato a suonare la canzone di Hannukkah"Maoz Tzur" (Rock of Ages) al piano ... Non c'è alcuna sinagoga a Le Chambon, ma il pastore ci ha dato una stanza nel loro tempio ... So come finirà questa guerra, ma per ora Le Chambon è un buon posto dove stare ... Accendemmo le candele di Hanukkah ed era bellissimo, ma non potevo fare a meno di pensare alla mamma. Si trova nella città di Grenoble, è nascosta in una stanza in casa di qualcuno ... Mi preoccupo per lei tutto il tempo10.

Molti dei bambini non rividero più i loro genitori. Rudi fu una delle eccezioni; così anche Nathalie Stern. Nathalie si è riunita con la sua famiglia alla stazione di Agen nel 1945, mentre Rudi e i suoi genitori si sono finalmente ritrovati un anno dopo a Filadelfia. Nathalie divenne un artista di successo, Rudi un uomo d’affari internazionale e un benefattore che contribuì a fondare il museo di Le Chambon. Uno dei migliori amici di Rudi nel villaggio era Alexander Grothendieck, un ebreo tedesco, che divenne uno dei più grandi matematici del mondo.

Questione di teologia

Coloro che si sono assunti la responsabilità di trovare case per i rifugiati usavano spesso un linguaggio codificato nelle loro comunicazioni. “Ti sto inviando due vecchi testamenti”: significava che due ebrei erano in arrivo11.  Daniel Curtet, un giovane pastore svizzero in un villaggio vicino, usava un codice biblico tutto suo quando scriveva ai suoi genitori. Ecco un esempio, datato 23 gennaio 1943:

Continuando il mio studio sui nomi di battesimo (Marco 13/14b), raramente trovo il nome Hans. D'altra parte la mia collezione è cresciuta fino a includere quelli dei 12 figli del patriarca, e ho notato con piacere che i miei parrocchiani e i darbyisti li amano tutti12.

Il codice era semplice: i genitori di Curtet dovevano capire che non c’erano tedeschi in giro, e che un certo numero di ebrei era stato ricevuto senza rischi. La lettera di Curtet sottolinea anche il fatto che c’erano diversi gruppi cristiani coinvolti nella missione di salvataggio. I darbyisti (Darbystes in francese) rappresentavano circa un terzo della popolazione protestante sull’altopiano. Questi erano membri del movimento dei Fratelli di Plymouth, che ebbe i suoi inizi a Dublino, in Irlanda, verso la fine degli anni ’20 del 1800, e furono devoti agli insegnamenti del suo principale fondatore, John Nelson Darby (1800-1882). Darby fu grandemente usato dal Signore durante il diciannovesimo secolo per ripristinare nella Chiesa la verità biblica riguardante la restaurazione di Israele e la seconda venuta di Gesù13. Comprese chiaramente quello che così tanti nella Chiesa oggi non riescono a capire, cioè che il popolo ebraico è “molto caro al nostro Dio e Padre14“. Come scrisse nel 1850, “Israele non può cessare di essere il popolo di Dio. ‘I doni e la chiamata di Dio sono senza rimpianto’, ed è per Israele, che questo è stato detto15“. 

Darby aiutò a stabilire molte comunità dei Fratelli in tutta l’Europa occidentale, in particolare in Francia, Svizzera e Germania. Sappiamo dalle sue lettere che ha lavorato a lungo nelle città e nei villaggi della Francia centro-meridionale. “Ho fatto un tour felice e, confido, redditizio attraverso l’Alta Loira, l’Ardèche, ecc., e ho visto i fratelli … Le benedizioni e le conversioni che sono date da Dio16“, scrisse nel 1879. Secondo una fonte non verificata l’inno di Darby, “The Upward Way”, fu scritto nel 1856 mentre viaggiava a piedi attraverso le montagne; stava andando a Le Chambon.

Nel 1976, lo scrittore ebreo e professore di etica Philip Hallie, laureato ad Harvard e Oxford, volò in Francia per intervistare i paesani che avevano vissuto quegli anni importantissimi sulla montagna. Nel suo libro Lest Innocent Blood Be Shed, Hallie ha spiegato perché i darbyisti avevano messo le loro vite in pericolo:

I rifugiati sarebbero rimasti nelle fattorie per lunghi periodi di tempo a causa della loro sicurezza, ma anche per la particolare simpatia che i Darbystes avevano per gli ebrei. Credendo che ogni singola parola della Bibbia fosse stata ispirata da Dio, i Darbystes avevano una conoscenza approfondita della storia degli ebrei perché quella storia è raccontata nell’Antico Testamento. Una volta … una rifugiata ebrea tedesca andò nella fattoria di un Darbysta per comprare delle uova … È stata invitata in cucina. Tranquillamente la donna che l’aveva invitata in casa sua, con una luce di interesse nei suoi occhi, le chiese “Tu- tu sei ebrea?” La donna, che era stata torturata perché ebrea, fece un passo indietro tremando, e si spavetò ancora di più quando la contadina corse ai gradini che portavano al piano di sopra e chiamò: “Marito, figli, scendete, scendete!” Ma la sua paura svanì quando la donna aggiunse, mentre la sua famiglia scendeva i gradini, “Guardate, guardate, famiglia mia! Abbiamo in casa un rappresentante del popolo eletto!17‘.

Conclusione 

Durante l’Olocausto, anche molti non cristiani hanno rischiato la vita per il popolo ebraico. A partire dal 1 gennaio 2018, Yad Vashem ha riconosciuto poco meno di 27.000 cosiddetti “giusti” Gentili. Ciò che rende Le Chambon unico, tuttavia, è il fatto che un intero villaggio – un intero villaggio cristiano – fu coinvolto nello sforzo di dare soccorso. Inoltre, il fatto che ci fosse un particolare gruppo di credenti sulle montagne che interpretava la Bibbia alla lettera e capiva che gli ebrei erano, per sempre, il popolo di Dio rende la storia ancor più avvincente e istruttiva. Il mio defunto pastore, Andrew Robinson, mi ha insegnato per la prima volta l’amore eterno di Dio per Israele, e ha dimostrato questo amore per tutta la sua vita e ministero. Fu lui a insegnarmi la stessa verità essenziale che John Nelson Darby aveva una volta esposto ai fratelli in Francia, una verità che in seguito ispirò una comunità di cristiani ad abbracciare il popolo ebraico nella sua ora più buia. Darby lo ha espresso con queste parole:

Gli ebrei sono l'oggetto abituale dei pensieri di Dio ... In tutti i tempi, Israele è il Suo popolo, secondo i Suoi consigli e i pensieri del Suo amore ... Egli è stato ed è sempre il Dio degli ebrei18

Questa, credo, è l’eredità di Le Chambon.

___________________________

Note:

 1 Deborah Durland DeSaix and Karen Gray Ruelle, Hidden on the Mountain: Stories of Children Sheltered from the Nazis in Le Chambon (New York: Holiday House, 2007), 70-71.

2  Il Lignon du Velay è un fiume lungo circa 53 miglia che scorre attraverso la regioni Ardèche e Alta Loira.

3  Mordecai Paldiel, Sheltering the Jews: Stories of Holocaust Rescuers (Minneapolis, MN: Fortress Press, 1996), 36 

4 Trocmé and Théis un tempo erano tutori di Francese del figlio di John D. Rockefeller Jr, a New York.

5 Dopo l’invasione tedesca della Francia, il governo di Marshal Pétain firmò un armistizio. Il paese fu diviso in due zone: quella nord occupata della Germania nazista, ed una “Zona libera” inoccupata nel sud, che era palesemente sotto controllo francese. Il governo di Pétain aveva come sede la città centrale di Vichy.

6  Peter Grose, The Greatest Escape: How one French Community Saved Thousands of Lives from the Nazis (Londra: Nicholas Brealey Publishing, 2014), 96. 

7 Philip Hallie, Lest Innocent Blood be Shed: The Story of the Village of Le Chambon and how Goodness happened there (Londra: Harper Torchbooks, 1985), 108. 

8 Grose, The Greatest Escape, 177.

9 Hallie, Lest Innocent Blood be Shed, 216.

10 DeSaix and Ruelle, Hidden on the Mountain, 53-54

 11 Ibid., 39-40.

12 Grose, The Greatest Escape, 116.

13 Paul Richard Wilkinson, Understanding Christian Zionism: Israel’s Place in the Purposes of God (Bend, OR: The Berean Call, 2013).

14 John Nelson Darby, “The Hopes of the Church of God, in Connection with the Destiny of the Jews and the Nations as Revealed in Prophecy (1840)” in The Collected Writings of J. N. Darby, ed. William Kelly, Vol. 2 (Kingston-on-Thames: Stow Hill Bible & Tract Depot, n.d.), 363.

15 Darby, “Examination of a few Passages of Scripture (1850)” in The Collected Writings, Vol. 4, 254. 

16 John Nelson Darby, “Letter (September, 1879)” in Letters of J.N.D., Vol. 3 (Kings- ton-on-Thames:Stow Hill Bible & Tract Depot, n.d.), 29. 

17 Hallie, Lest Innocent Blood be Shed, 182-183. 

18 Darby, “Studies on the Book of Daniel,” in The Collected Writings, Vol. 5, 151-153; Darby, “Examination of a few Passages of Scripture (1850)”, 255.

___________________________


Questo articolo è uscito per la prima volta su Ariel Magazine – Winter 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.