Home » Dio e l’aborto: nel grembo materno

Dio e l’aborto: nel grembo materno

  • Q&A

Per comprendere come Dio vede l’aborto, è necessario osservare cosa dice a riguardo del “grembo materno”. Leggiamo Geremia 1:4-5. In questi versetti, Dio dice al profeta di averlo consacrato quando era ancora nel grembo di sua madre. Dio aveva preparato Geremia a diventare un profeta prima ancora che nascesse: “Prima che io ti avessi formato nel grembo di tua madre, io ti ho conosciuto.” E Dio andò ben oltre dicendo: “Prima che tu uscissi dal suo grembo, io ti ho consacrato.” Quindi, nella conoscenza di Dio, Geremia è sempre visto come una persona, anche prima del concepimento. Mentre era nel grembo di sua madre, era già predisposto a diventare un profeta di Dio.

La prova fondamentale è che Dio vede il risultato del concepimento come se la persona fosse già nel grembo materno. Il bambino non ancora nato è visto come una persona non alla nascita o al primo respiro, ma nel momento in cui il seme dell’uomo e l’ovulo della donna si uniscono.

Nel grembo materno – Antico Testamento

Alcuni esempi tratti dalle Scritture mostrano che il bambino nel grembo di Agar era visto come una persona che avrebbe generato un grande popolo (Genesi 16:11-12). Lo stesso accade per Isacco attraverso il quale sarebbe venuto il popolo del patto.

Il fatto che Dio veda un bambino nel grembo materno come una persona si vede anche nel Salmo 139:15-16.

Anche la profezia del Messia mostra che mentre era nel grembo di Sua madre, Egli era già visto come una persona con una chiamata speciale (Isaia 49:1, 5).

Nel grembo materno nel Nuovo Testamento

Lo stesso principio si trova nel Nuovo Testamento. Giovanni Battista cominciò ad essere visto come una persona mentre era ancora nel grembo di sua madre. Quando sua madre Elisabetta sentì la voce di Maria, egli sussultò nel suo grembo, ed Elisabetta considerò questo avvenimento come profeticamente significativo (Luca 1:41-45). La stessa cosa vale per Yeshua nel grembo di Maria in Luca 1:30-35.

Proprio come Geremia fu consacrato per essere un profeta quando era nel grembo di sua madre, allo stesso modo, Paolo fu consacrato per essere un apostolo quando era ancora nel grembo di sua madre (Galati 1:15).

Uno status sociale diverso

Non c’è nessuna dichiarazione nella legge mosaica che dica che una persona responsabile della morte accidentale di un bambino non ancora nato debba essere messa a morte. Nonostante i bambini non ancora nati e le donne fossero visti come persone, essi non avevano necessariamente gli stessi diritti degli uomini sotto la legge mosaica . Tuttavia, essere trattati in modo diverso dalla legge non indicava non essere considerati esseri umani, bensì avere uno status sociale diverso. 

Traduzione dell’articolo presente sul sito di Ariel Ministries, www.ariel.org, a cura di Martina Pifferi Speciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.